Anonimo

Soggetto
Ratto di Ganimede
Tecnica
Olio su tela
Misure
31 x 50 cm
Epoca
Fine del XVII - inizio del XVIII secolo
Scuola
Romana
Raccolte di provenienza
Banca Popolare di Lodi
Inventario
BPL-1114
Notizie storico-critiche
Il dipinto, evidentemente concepito in pendant con Borea che rapisce Orizia (BPL-1115), rappresenta entro uno scenario boschivo l'episodio mitologico del Ratto di Ganimede, il giovinetto di leggendaria bellezza figlio di Troo – re della Dardania ed eponimo di Troia – che Zeus, camuffatosi da aquila, porto` con se` sull'Olimpo facendone il suo amante e attribuendogli in seguito il ruolo di coppiere degli dei, in sostituzione di Ebe. La vicenda ha goduto, particolarmente nel Cinquecento, di una larghissima fortuna figurativa (Marongiu 2004, pp. 1-19; Il mito di Ganimede 2002) che – fatto salvo il caso eclatante, e percio` del tutto atipico, della Battaglia di Montemurlo dip...
(le schede storico-critiche saranno consultabili registrandosi nella zona login)