Ferrucci Giovan Domenico (Fiesole 1619 - post 1669)

Soggetto
Rinaldo e Armida
Tecnica
Olio su tela
Misure
208 x 186 cm
Anno
1650 - 1660
Scuola
Toscana
Raccolte di provenienza
Credito Bergamasco
Inventario
CB-00084 01
Notizie storico-critiche
Giovan Domenico Ferrucci, allievo di Cesare Dandini, e` documentato a Lucca a partire dal 1651. Nelle poche opere a lui rivendicabili e` possibile rintracciare, oltre a un evidente legame con la pittura del maestro, fatta di impetuosita` di racconto e vigore di pennellata, un'appropriazione del linguaggio di artisti locali quali Rutilio Manetti e Pietro Paolini, da richiamare nell'opera presente anche per le volumetrie risentite e per la tipica "metallizzazione" degli incarnati, lividi e quasi esangui. L'intuizione attributiva di Roberto Contini – che correttamente riconosce anche l'episodio rappresentato, tratto dalla Gerusalemme Liberata (XX, 127-128), nel momento in cu...
(le schede storico-critiche saranno consultabili registrandosi nella zona login)
Esposizioni
"Dalla Banca al Museo. La collezione d'arte del Credito Bergamasco", Bergamo, Accademia Carrara, 1996.